Genuino Come Si Scrive, Lettera Al Giudice Tutelare INDICE 9.2) ATTI, NECESSITANO DELL AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA

INDICE 9.2) ATTI, NECESSITANO DELL AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA, Come si scrive una lettera al giudice tutelare

Altre Idee Per i Modelli Come Si Scrive Una Lettera Al Giudice Tutelare

Come Si Scrive, Lettera Al Giudice Tutelare - Anche giuseppe simone, membro della "fratelli simone srl", ha lo stesso concetto. "? una provocazione che può ravvivare il dibattito, utile per comprendere quale potrebbe essere il futuro di fare una concessione di scommesse", ha definito. Fp / agipro.

Roma - un'evasione di mezzo miliardo di anni, con oltre cinquemila gruppi che corrono senza la licenza del questore e senza concessioni verso un normale mercato di sette, 400. ? la denuncia del vicedirettore dell'agenzia customs and monopolies, luigi magistro, dichiarata all'interno dell'indagine di reportage su "l'espresso" in edicola il giorno successivo. "I finanziamenti sono limitati, quindi ci avviciniamo e ricominciano da capo. Ce ne sono così tanti, un'effettiva emergenza a livello nazionale", spiega magistro in merito al cdt. Operando “come istituzioni pubbliche, comunemente fattori netti, i ctd accettano scommesse collegandosi a un bookmaker, regolarmente all'estero, il tutto all'interno dell'assenza di concessione e autorizzazione italiane. - Aggiunge magistro - ovviamente, così facendo, la tassa prevista in italia non pratica le scommesse. Ciò consente loro di fornire quote più elevate rispetto a quelle offerte con l'aiuto di venditori autorizzati. Ultimo al di fuori del circuito controllato dal regno, è anche facile che molti eludano le tasse sugli utili ".

La richiesta fornita tramite snai servizi al ministero del sistema finanziario di un'autorizzazione per la raccolta delle scommesse (in assenza di concessione) aveva già scatenato le reazioni degli operatori, in italia e all'estero, e c'era anche chi aveva proposto ( il ceo di stanleybet, john whittaker, in un'affermazione ad agipronews alcuni giorni fa, ed) l'avvio di un banco di consultazione con rivenditori, operatori e stabilimenti all'estero, da organizzare eventualmente con l'attuazione della delegazione fiscale. "Tuttavia desidero chiarire il campo dei possibili equivoci: non stiamo lottando per perderci dal" software nazionale ", è miglia un presupposto poco convincente, intendiamo porre rimedio a una discriminazione che per prima cosa ha un impatto sugli operatori autorizzati. Dobbiamo trionfa definitivamente su un "doppio regime" che non garantisce un rimedio identico ai concessionari statali, rotto dall'inerzia normativa che in realtà ha permesso la coesistenza con operatori senza titoli nazionali ", afferma ughi.

Roma - il pensiero di snai servizi, che chiede di raccogliere le scommesse senza concessione, è "molto autentico e ha la tendenza a creare movimento in un settore che è già abbastanza complesso". Questo è ciò che dice guido marino, consulente di mag associati, che risponde ad agipronews della richiesta contenuta nella lettera inviata al ministero del sistema finanziario. "Le ragioni alla base di questo concetto sono comprensibili - afferma - i bookmaker italiani rimangono in una situazione di forte concorrenza con i centri collegati agli operatori senza una concessione". Pg / agipro.